Il potere della formazione virtuale


Il potere della formazione virtuale è la guida di un coach per l’adozione e l’implementazione di questo nuovo mezzo.

È un momento strano per essere vivi e un momento eccellente per essere un allenatore. Come formatori e allenatori, possediamo le conoscenze per navigare in questi tempi difficili guidando i nostri clienti verso nuove routine efficaci e abitudini di salute. Con la nostra intuizione e promessa di responsabilità, i nostri clienti hanno la rara opportunità di rimbalzare da questa pandemia, mantenendo le loro abitudini di esercizio.

Questo rimbalzo è in gran parte dovuto ai progressi tecnologici (formazione virtuale) che ci consentono di mantenere una presenza senza bisogno di essere fisicamente faccia a faccia con il cliente. Come esercizio di pensiero, immagina se questi arresti fossero attivi prima che esistessero Zoom, What’s App, Skype e FaceTime.

Sono stato un allenatore per oltre sei anni e solo di recente ho sperimentato la gravità dell’impatto che possiamo avere sul benessere di un individuo quando le chips sono in calo. Ma:

  • Come facciamo il nostro lavoro quando non c’è posto di lavoro?
  • Come possiamo eseguire in modo efficiente senza attrezzature?
  • E come mai avremo un impatto individuale senza essere faccia a faccia?

Per fortuna, come allenatori, siamo adattabili. Quando un cliente ci presenta una nuova lesione, un pollice slogato o un dolore, ci adattiamo. Riprogrammiamo e ci mettiamo al lavoro, stabilendo un modo sicuro ed efficace per aggirare la limitazione.

Questo è ciò che ci rende istruttori intelligenti. Possiamo essere flessibili e fornire la risposta quando non sembra così ovvio, mantenendo nel contempo gli obiettivi, i limiti e le abitudini dei nostri clienti a cuore.

Fondamentalmente, COVID-19 è il lesione, e la formazione virtuale è il modifica. La formazione virtuale è la piattaforma che non solo supporterà le nostre aziende durante l’arresto ma arricchirà la nostra esperienza rivolta al cliente quando le porte riapriranno. Immagina che il tuo cliente che viaggia ogni due settimane sia ora in grado di rimanere coerente grazie all’allenamento virtuale con il proprio allenatore reale.

Ovviamente, una fila di bande di resistenza in un ingorgo della porta di un hotel è meno efficace di una fila di Pendlay. Ma, una fila di bande di resistenza in un ingorgo sulla porta di un hotel è dieci volte più efficace di quindici ripetizioni di cambio del canale e un rappresentante di ordinare cibo dal bar dell’hotel. Possiamo essere l’ancora per i programmi di viaggio dei nostri clienti, ma prima dobbiamo discutere di come essere efficienti in questo nuovo mezzo.

Conversione del cliente

Possiamo aspettarci che i nostri clienti avranno naturalmente delle riserve sulla conversione in una piattaforma di formazione online. Tuttavia, la loro disponibilità a fare il turno sarà guidata principalmente dal nostro entusiasmo come allenatori.

Fino a quando non sperimenteranno in prima persona che la piattaforma può fornire un approccio programmatico al fitness, saranno scettici. Come loro allenatore, dobbiamo delineare ciò che possono aspettarsi. E, ricorda sempre, sotto promessa e sovralimentazione.

Se tu, come allenatore, condividi questa apprensione, prova ad allenare un altro allenatore o amico su una piattaforma virtuale e sfidati a vicenda per mettere insieme un allenamento efficace. Una volta sperimentato il valore da soli, sarà una conversazione più genuina che spiegherà ai tuoi clienti come andrà a finire.

È essenziale suddividere l’elenco dei client nelle seguenti tre categorie prima di parlare della conversione:

  1. Entusiasta di convertire – Questi sono i clienti che amano la tua programmazione e il tuo marchio. Sono quelli che fanno i compiti ogni settimana, si presentano in tempo con entusiasmo e comunicano al di fuori delle ore in palestra come si sentono e cosa mangiano. Per coincidenza, anche questi clienti vedono i risultati migliori.
  2. Esitante da convertire – Questo gruppo ha un’esitazione generale sull’adozione di nuove pratiche. Forse dimostrano resistenza ai cambiamenti nella programmazione, nonostante la ricerca scientifica alla base del perché stai facendo quello che stai facendo. Questi clienti hanno bisogno di prove sociali del fatto che altri clienti si stanno già allenando online e divertiti.
    Questi clienti adorano allenarsi con te, ma senza la palestra non vedono come questo possa funzionare. È fondamentale mantenere una comunicazione settimanale con questi clienti, ricordando loro sempre che la porta della formazione virtuale è Aperto e che stai aspettando con impazienza la loro prima sessione perché sai quanto sarà potente per loro.
  3. Non convertire – Dopo aver classificato i tuoi clienti (ti consiglio di farlo in un foglio di calcolo Excel), mettiti al lavoro contattandoli e portandoli sulla nuova piattaforma.

Per quanto riguarda il fatto che questa è un’esperienza completamente nuova per te e il tuo cliente, consiglio vivamente di seguire queste cinque linee guida per una sessione online di successo.

1. Replicare l’ambiente di formazione

Rendi la tua posizione di allenamento simile all’ambiente in cui si allenano. Meno cose sono diverse, più è probabile che il cliente si senta a casa virtualmente.

Per fare questo, ti consiglio di indossare gli stessi indumenti professionali che fai in una sessione. Se hai un banner con il marchio, posizionalo dietro di te in modo che il client possa vederlo nel mirino. Tieni a portata di mano la tua stessa attrezzatura come cinturini, iPad, blocco note, in modo da poter prendere fisicamente appunti che dimostrino la tua attenzione.

2. Vieni preparato

Suggerirei di programmare in anticipo proprio come faresti con la sessione normale. Invia un’email al cliente in anticipo il giorno della formazione, in modo che sappiano che hai dedicato del tempo a pensare in anticipo alla loro formazione.

È anche un ottimo momento per rispondere alle domande e apportare modifiche in modo da rendere agevole la navigazione all’inizio della sessione.

3. Il contatto visivo è tutto

Durante una sessione virtuale, i tuoi clienti faranno continuamente riferimento allo schermo per consigli, suggerimenti e ripetizioni. Quindi, è fondamentale che quando guardano in alto, sei lì a prestare attenzione. Combatti l’impulso di tenere il telefono a portata di mano e scorrere su Instagram o Twitter.

Questa volta è la loro ora, trattala come tale. Se usi il telefono, comunica perché, ad esempio, “Utilizzerò il mio timer per il periodo di riposo”. In questo modo, il cliente comprende che è per un motivo specifico.

4. Verifica la tua connessione

Assicurati che la tua connessione wifi sia forte. Stare vicino al router fa una grande differenza nella connettività poiché molti condomini hanno problemi di larghezza di banda a causa dell’alta concentrazione di persone che lavorano da casa.

Consiglio anche di disattivare il wifi sul telefono e di fare lo stesso con il tuo client. Comunicare in anticipo questo mostrerà al cliente che questa non è la tua prima formazione online, convalidando ulteriormente il mezzo.

5. Pianificare i tempi supplementari

Se una sessione tipica inizia e termina all’ora, consiglierei di iniziare con 5-10 minuti di anticipo e di terminare la stessa. Questa volta consentirà la risoluzione dei problemi e problemi di comunicazione.

I tuoi clienti apprezzeranno anche la volontà di rimanere in giro per assicurarsi di avere un’esperienza positiva.

Integra la formazione virtuale in attività regolari

Facciamo il nostro lavoro meglio quando possiamo essere fisicamente uno contro uno con l’individuo. Questo metodo è più adatto per un ambiente con le attrezzature necessarie e questo mi porta a credere che l’allenamento virtuale non sostituirà a lungo uno a uno.

Tuttavia, per i clienti che viaggiano frequentemente, la formazione virtuale può essere il fattore x nella gestione delle loro abitudini. Portare i clienti alla velocità ora rafforzerà il tuo business per quando non riescono ad arrivare fisicamente in palestra.

Questa formazione virtuale libera anche il nostro tempo come formatori. Immagina di andare a Bali e, mentre ci sei, puoi addestrare i clienti praticamente, tenendoli di routine e mettendoti delle entrate in tasca.

Per decenni, i formatori in vacanza non hanno guadagnato alcun reddito. Una sessione non eseguita rappresenta un’ora di entrate perse. La formazione virtuale ha il potenziale per diversificare le nostre entrate e attirare una clientela remota a cui altrimenti non avremmo accesso.

Non c’è momento migliore di adesso per offrire a un cliente una sessione di allenamento virtuale gratuita e iniziare il loro ritorno in palestra.

.

Il potere della formazione virtuale


Il potere della formazione virtuale è una guida del coach per l’adozione e l’implementazione di questo nuovo mezzo.

È un momento strano per essere vivi e un momento eccellente per essere un allenatore. Come formatori e allenatori, possediamo le conoscenze per navigare in questi tempi difficili guidando i nostri clienti verso nuove routine efficaci e abitudini di salute. Con la nostra intuizione e promessa di responsabilità, i nostri clienti hanno la rara opportunità di rimbalzare da questa pandemia, mantenendo le loro abitudini di esercizio.

Questo rimbalzo è in gran parte dovuto ai progressi tecnologici (formazione virtuale) che ci consentono di mantenere una presenza senza bisogno di essere fisicamente faccia a faccia con il cliente. Come esercizio di pensiero, immagina se questi arresti fossero attivi prima che esistessero Zoom, What’s App, Skype e FaceTime.

Sono stato un allenatore per oltre sei anni e solo di recente ho sperimentato la gravità dell’impatto che possiamo avere sul benessere di un individuo quando le chips sono in calo. Ma:

  • Come facciamo il nostro lavoro quando non c’è posto di lavoro?
  • Come possiamo eseguire in modo efficiente senza attrezzature?
  • E come mai avremo un impatto individuale senza essere faccia a faccia?

Per fortuna, come allenatori, siamo adattabili. Quando un cliente ci presenta una nuova lesione, un pollice slogato o un dolore, ci adattiamo. Riprogrammiamo e ci mettiamo al lavoro, stabilendo un modo sicuro ed efficace per aggirare la limitazione. Questo è ciò che ci rende istruttori intelligenti. Possiamo essere flessibili e fornire la risposta quando non sembra così ovvio, mantenendo nel contempo gli obiettivi, i limiti e le abitudini dei nostri clienti a cuore.

Fondamentalmente, COVID-19 è il lesione, e la formazione virtuale è il modifica. La formazione virtuale è la piattaforma che non solo supporterà le nostre aziende durante l’arresto ma arricchirà la nostra esperienza rivolta al cliente quando le porte riapriranno. Immagina che il tuo cliente che viaggia ogni due settimane sia ora in grado di rimanere coerente grazie all’allenamento virtuale con il proprio allenatore reale.

Ovviamente, una fila di bande di resistenza in un ingorgo della porta di un hotel è meno efficace di una fila di Pendlay. Ma una fila di bande di resistenza in un ingorgo sulla porta di un hotel è dieci volte più efficace di quindici ripetizioni di cambio del canale e un rappresentante di ordinare cibo dal bar dell’hotel. Possiamo essere l’ancora per i programmi di viaggio dei nostri clienti, ma prima dobbiamo discutere di come essere efficienti in questo nuovo mezzo.

Conversione del cliente

Possiamo aspettarci che i nostri clienti avranno naturalmente delle riserve sulla conversione in una piattaforma di formazione online. Tuttavia, la loro disponibilità a fare il turno sarà guidata principalmente dal nostro entusiasmo come allenatori. Fino a quando non sperimenteranno in prima persona che la piattaforma può fornire un approccio programmatico al fitness, saranno scettici. Come loro allenatore, dobbiamo delineare ciò che possono aspettarsi. E, ricorda sempre, sotto promessa e sovralimentazione.

Se tu, come allenatore, condividi questa apprensione, prova ad allenare un altro allenatore o amico su una piattaforma virtuale e sfidati a vicenda per mettere insieme un allenamento efficace. Una volta sperimentato il valore da soli, sarà una conversazione più genuina che spiegherà ai tuoi clienti come andrà a finire.

È essenziale suddividere l’elenco dei client nelle seguenti tre categorie prima di parlare della conversione:

1. Entusiasta di convertire

Questi sono i clienti che amano la tua programmazione e il tuo marchio. Sono quelli che fanno i compiti ogni settimana, si presentano in tempo con entusiasmo e comunicano al di fuori delle ore in palestra come si sentono e cosa mangiano. Per coincidenza, anche questi clienti vedono i risultati migliori.

2. Esitante da convertire

Questo gruppo ha un’esitazione generale sull’adozione di nuove pratiche. Forse dimostrano resistenza ai cambiamenti nella programmazione, nonostante la ricerca scientifica alla base del perché stai facendo quello che stai facendo. Questi clienti hanno bisogno di prove sociali del fatto che altri clienti si stanno già allenando online e divertiti.

Questi clienti adorano allenarsi con te, ma senza la palestra non vedono come questo possa funzionare. È fondamentale mantenere una comunicazione settimanale con questi clienti, ricordando loro sempre che la porta della formazione virtuale è Aperto e che stai aspettando con impazienza la loro prima sessione perché sai quanto sarà potente per loro.

3. Non convertire

Dopo aver classificato i tuoi clienti (ti consiglio di farlo in un foglio di calcolo Excel), mettiti al lavoro contattandoli e portandoli sulla nuova piattaforma.

Per quanto riguarda il fatto che questa è un’esperienza completamente nuova per te e il tuo cliente, consiglio vivamente di seguire queste cinque linee guida per una sessione online di successo.

1. Replicare l’ambiente di formazione

Rendi la tua posizione di allenamento simile all’ambiente in cui si allenano. Meno cose sono diverse, più è probabile che il cliente si senta a casa virtualmente. Per fare questo, ti consiglio di indossare gli stessi indumenti professionali che fai in una sessione. Se hai un banner con il marchio, posizionalo dietro di te in modo che il client possa vederlo nel mirino. Tieni a portata di mano la tua stessa attrezzatura come cinturini, iPad, blocco note, in modo da poter prendere fisicamente appunti che dimostrino la tua attenzione.

2. Vieni preparato

Suggerirei di programmare in anticipo proprio come faresti con la sessione normale. Invia un’email al cliente in anticipo il giorno della formazione, in modo che sappiano che hai dedicato del tempo a pensare in anticipo alla loro formazione. È anche un ottimo momento per rispondere alle domande e apportare modifiche in modo da rendere agevole la navigazione all’inizio della sessione.

3. Il contatto visivo è tutto

Durante una sessione virtuale, i tuoi clienti faranno continuamente riferimento allo schermo per consigli, suggerimenti e ripetizioni. Quindi, è fondamentale che quando guardano in alto, sei lì a prestare attenzione. Combatti l’impulso di tenere il telefono a portata di mano e scorrere su Instagram o Twitter.

Questa volta è la loro ora, trattala come tale. Se usi il telefono, comunica perché, ad esempio, “Utilizzerò il mio timer per il periodo di riposo”. In questo modo, il cliente comprende che è per un motivo specifico.

4. Verifica la tua connessione

Assicurati che la tua connessione wifi sia forte. Stare vicino al router fa una grande differenza nella connettività poiché molti condomini hanno problemi di larghezza di banda a causa dell’alta concentrazione di persone che lavorano da casa.

Consiglio anche di disattivare il wifi sul telefono e di fare lo stesso con il tuo client. Comunicare in anticipo questo mostrerà al cliente che questa non è la prima volta che ti alleni online, convalidando ulteriormente il mezzo.

5. Pianificare i tempi supplementari

Se una sessione tipica inizia e termina all’ora, consiglierei di iniziare con 5-10 minuti di anticipo e di terminare la stessa. Questa volta consentirà la risoluzione dei problemi e problemi di comunicazione. I tuoi clienti apprezzeranno anche la volontà di rimanere in giro per assicurarsi di avere un’esperienza positiva.

Integrare la formazione virtuale in regolare Affari

Facciamo il nostro lavoro al meglio quando possiamo essere fisicamente uno contro uno con l’individuo. Questo metodo è più adatto per un ambiente con le attrezzature necessarie e questo mi porta a credere che l’allenamento virtuale non sostituirà a lungo uno a uno.

Tuttavia, per i clienti che viaggiano frequentemente, la formazione virtuale può essere il fattore x nella gestione delle loro abitudini. Portare i clienti alla velocità ora rafforzerà il tuo business per quando non riescono ad arrivare fisicamente in palestra. Questa formazione virtuale libera anche il nostro tempo come formatori. Immagina di andare a Bali e, mentre ci sei, puoi addestrare i clienti praticamente, tenendoli di routine e mettendoti delle entrate in tasca.

Per decenni, i formatori in vacanza non hanno guadagnato alcun reddito. Una sessione non eseguita rappresenta un’ora di entrate perse. La formazione virtuale ha il potenziale per diversificare le nostre entrate e attirare una clientela remota a cui altrimenti non avremmo accesso.

Non c’è momento migliore di adesso per offrire a un cliente una sessione di allenamento virtuale gratuita e iniziare il loro ritorno in palestra.

.