Una lettera aperta a CrossFit


Una lettera aperta a CrossFit

Mi chiamo Greg Walsh. Ho iniziato a collaborare con CrossFit nel 2003 ed è stato membro, trainer e manager di CrossFit Long Beach fino al 2008, quando sono tornato nella mia città natale di Rochester, New York.

Nel 2008 ho fondato Wolf Brigade e da allora abbiamo addestrato con competenza persone di ogni ceto sociale e livello di fitness.

Durante la mia permanenza a Long Beach, ho sviluppato relazioni con molte persone coinvolte nel marchio CrossFit e ho iniziato un’amicizia con Greg Glassman. Ciò ha portato a una “partnership” basata sulla mia idea di fornire uno sportello unico agli affiliati per ricevere opere d’arte e stampe di livello mondiale e la possibilità / opzione di mostrarle per l’acquisto in tutto il mondo su un sito Web chiamato, al momento , crossfitshirts.com.

Avevamo una piccola azienda di stampa di altissima qualità a Rochester, amavo CrossFit, in particolare gli affiliati, e volevo aiutarli ed essere più coinvolti. Ho presentato il progetto “Camicie CrossFit” in occasione di una riunione di affiliazione nel 2007 con una risposta molto positiva e siamo partiti e funzionanti.

Il progetto è stato un grande successo. I prodotti a marchio CrossFit non erano mai stati così belli e gli affiliati stavano beneficiando del nostro alto livello di esperienza nella direzione artistica e nella progettazione grafica.

La piattaforma di crossfitshirts.com era divertente, eccitante e reciprocamente vantaggiosa; CrossFit ha ricevuto una percentuale di tutto ciò che è stato venduto, così come gli affiliati con cui abbiamo lavorato, e si è espanso rapidamente.

Tra il 2007 e il 2009, Greg e io siamo diventati amici (o, almeno, è quello in cui credevo), e non ho sentito alcuna ragione esplicita per frenare lo sviluppo dei nostri progetti combinati. Abbiamo ampliato la tipografia, assunto personale di talento e siamo saliti all’occasione crescente. Durante quel periodo, Greg chiamava abitualmente per parlare della sua vita, del matrimonio, delle lotte per gli affari e mi invitava regolarmente a casa sua in Arizona, in vari viaggi legati al CrossFit, ecc. Ho apprezzato anche se raramente accettato, perché eravamo al collo- lavorando profondamente sia in palestra, sia sviluppando la nostra “partnership”.

Il mio errore è stato presumere che un “contratto” di stretta di mano significasse per gli altri lo stesso significato per me.

Nel 2009, con i nostri progetti coordinati in piena attività, fui chiamato di punto in bianco, da un ficcanaso chiacchierone di Greg, e poi da un avvocato CrossFit intelligente e stilizzato. Entrambi hanno avuto il compito di consegnare il messaggio che, con effetto immediato, non ci era più permesso di usare il nome CrossFit senza il marchio specifico dell’affiliato, e molto più seriamente- che

il sito di crossfitshirts.com doveva essere consegnato immediatamente a loro.

Senza esagerare con la mano, mi è sembrato uno scherzo. Abbiamo sempre lottato: ho lavorato e gestendo piccole aziende di alta qualità per oltre 25 anni, e alla fine eravamo impegnati in qualcosa che stava crescendo e pienamente nella nostra timoniera.

Ho fatto tutto il possibile per capire cosa stesse realmente accadendo, Greg non avrebbe restituito chiamate, messaggi o e-mail e alla fine mi è stata data la “opzione” di trasportare tutti i restanti softgood a un altro evento affiliato ad Austin, in Texas, e tentare di vendili. Avendo venduto camicie in spettacoli ed eventi sin da quando ero un adolescente, sapevo esattamente come sarebbe andata (male), ma non avevo altra scelta. Dopo aver pagato le spese di spedizione per gli indumenti e il viaggio, e venduto meno della metà di quello che avevamo portato, a meno della metà dei prezzi che di solito pagavamo, avevo perso diverse migliaia di dollari.

Fu nello stesso periodo in cui il cattivo processo decisionale, la leadership basata sull’ego e la miopia portarono via alcune delle menti più progressive, accattivanti e rispettate in CrossFit, tra cui Robb Wolf, James “OPT” Fitzgerald e Greg Everett – tre persone che ho rispettato dalla prima esposizione e le cui posizioni ho preso molto sul serio. Sapevo allora, anche se ero decisamente ai margini rispetto a quei tre, che la nostra “partnership” era veramente finita; Ero stato ritenuto sacrificabile o peggio, e dovevamo agire di conseguenza.

Con il senno di poi, avrei dovuto ridimensionare, rinunciare alla nostra seconda macchina da stampa appena acquistata, lasciare andare il nostro personale addetto alla stampa, appena assunto ed esperto, e ridimensionarmi, ma ho davvero sentito che potremmo conservare gran parte del business delle affiliate e andare avanti. Ho sbagliato molto.

La rimozione del sito crossfitshirts.com e chiaramente la nostra “benedizione CrossFit” hanno allontanato molti affiliati. Sono rimasti anche molti, e apprezzo ancora quel passo di fiducia fino ad oggi, ma la perdita è stata eccessiva, la nostra risposta non è stata quella che doveva essere, e alla fine del 2009 siamo stati costretti a chiudere la nostra tipografia e liberare il persone dedicate che lo avevano operato.

Ora saldamente indebitato, dopo essermi trasferito in tutto il paese per lavorare a un progetto che ora era morto, e dopo essere stato tradito e abbandonato da qualcuno che credevo essere un forte alleato, ho concentrato tutti i miei sforzi sulla formazione delle persone davvero, molto bene.

Mi sono incaricato di sviluppare e documentare meticolosamente i nostri processi e di adeguare gli elementi della formazione generalista su cui avevamo iniziato a lavorare a Long Beach e che sapevo essere cruciali per la nostra idea di “Progressione lineare globale”; In breve, se ci fosse un bicchiere mezzo pieno in questa storia, è che Wolf Brigade si è distinto e si è sviluppato in una delle migliori piattaforme di allenamento del mondo, in tutti i sensi e in molti modi che nessun altro ha mai affrontato. Quando le patatine erano finite, mi sono aggrappato a ciò che mi aveva portato dove ero in primo luogo:

Aiutare le persone, nel miglior modo possibile.

Greg Glassman non è mai stato una brava persona. Anche quando probabilmente quasi tutto ciò che sta leggendo questo lo credeva, era ancora un uomo altamente giudicante, di mentalità d’élite (in tutti i modi sbagliati) e opportunista che si sentiva a suo agio nel dire a chiunque avrebbe ascoltato quanto fosse meglio, mentre offrendo pochissime prove di tale affermazione.

In questo momento in questo momento, ci sono molti affiliati / ex-affiliati / partecipanti che stanno mettendo in discussione la loro direzione, i prossimi passi e hanno bisogno di “controllo dei danni”. Come qualcuno che è stato spesso preso di mira e attaccato in base alle parole irresponsabili degli altri, e al di fuori dell’argomento attuale, dirò questo:

Stai per ciò che sai è giusto e stai fottutamente duro. Fai ciò che è giusto, non quello che ti viene detto.

Se quello che vuoi fare è formare le persone, allora cerca ogni via di progresso e fatti a tua disposizione ed eccellere nel tuo mercato.

In risposta a non offrire mai protezione del territorio agli affiliati, Greg direbbe “La crema sale in cima”; Ora è il momento di dimostrare questa teoria su di voi. Il clima attuale sta creando spiacevoli vittime tra le piccole strutture che altrimenti sarebbero sopravvissute e l’idea di dover prendere le distanze e ridisegnare il marchio da qualcosa su cui è stata fondata una fondazione è a dir poco scoraggiante.

Ma non è impossibile. E tra l’attuale acrimonia e negatività, è importante ricordare che CrossFit DID – in un modo o nell’altro, e funzionalmente o disfunzionalmente – dimostra a tutti noi che siamo più forti di quanto pensiamo di essere.

Affiliati, ex affiliati, partecipanti:

Ora è il momento di “dimostrare la tua forma fisica” … E non ha nulla a che fare con burpees o salti di box.

CrossFit mi ha fatto conoscere concetti e idee che non avevo mai visto prima, e ho preso la palla e ho corso con essa. Greg Glassman ha collaborato con me – un piccolo idealista indipendente, malsano, guidato dalla passione – e mi ha lasciato andare freddo senza mai nemmeno offrire una parola di conforto, un atto di contrizione o anche tanto di scuse – Proprio come ha fatto a tutti voi, di recente.

Quel tradimento ha chiuso una porta e ne ha aperta un’altra – come ha fatto per molti che sono rimasti in quel periodo, e sotto scismi simili – e l’ho usata per rafforzare il fuoco che già avevo e sviluppare un marchio e un sistema di allenamento molto più trasferibili, accessibile su più livelli ed efficace di qualsiasi cosa CrossFit abbia mai fatto.

Se io / noi potremmo essere di qualche aiuto, la nostra porta è aperta.

Non stiamo cercando di capitalizzare la sfortuna di questa situazione, ma è qualcosa che abbiamo avuto il dispiacere di essere in grado di prevedere a lungo, vivere attraverso noi stessi e ora possedere le capacità e le capacità per aiutare gli altri attraverso di essa.

Dopotutto, TUTTO questo – almeno per quelli che dovrebbero essere ancora qui – è incentrato sull’aiutare gli altri.

Candidamente e sinceramente, Greg Walsh

Una lettera aperta a CrossFit: fitness, crossfit, fitness funzionale, kettlebell, GPP, mazza, bilancieri, fitness sovversivo, palestra

.

Una lettera aperta a CrossFit


Puoi trovare la copia originale di questa lettera su Wolfbrigade. esso è stato un momento così impegnativo per tutti, e sicuramente per me, per molti aspetti che non avrei mai potuto aspettarmi. Ho avuto così tante conversazioni tristi con piccole imprese di tutti i tipi, ma soprattutto con il fitness. Spero che questa lettera aiuti, anche se sta solo leggendo che altri hanno sentito lo stesso calcio nei denti come lo sono questa settimana.

Una lettera aperta a CrossFit

Mi chiamo Greg Walsh. Ho iniziato a collaborare con CrossFit nel 2003 ed è stato membro, trainer e manager di CrossFit Long Beach fino al 2008, quando sono tornato nella mia città natale di Rochester, New York.

Nel 2008 ho fondato Wolf Brigade e da allora abbiamo addestrato con competenza persone di ogni ceto sociale e livello di fitness.

Durante la mia permanenza a Long Beach, ho sviluppato relazioni con molte persone coinvolte nel marchio CrossFit e ho iniziato un’amicizia con Greg Glassman. Ciò ha portato a una “partnership” basata sulla mia idea di fornire uno sportello unico agli affiliati per ricevere opere d’arte e stampe di livello mondiale e la possibilità / opzione di mostrarle per l’acquisto in tutto il mondo su un sito Web chiamato, al momento , crossfitshirts.com.

Avevamo una piccola azienda di stampa di altissima qualità a Rochester, amavo CrossFit, in particolare gli affiliati, e volevo aiutarli ed essere più coinvolti. Ho presentato il progetto “Camicie CrossFit” in occasione di una riunione di affiliazione nel 2007 con una risposta molto positiva e siamo partiti e funzionanti.

Il progetto è stato un grande successo. I prodotti a marchio CrossFit non erano mai stati così belli e gli affiliati stavano beneficiando del nostro alto livello di esperienza nella direzione artistica e nella progettazione grafica.

La piattaforma di crossfitshirts.com era divertente, eccitante e reciprocamente vantaggiosa; CrossFit ha ricevuto una percentuale di tutto ciò che è stato venduto, così come gli affiliati con cui abbiamo lavorato, e si è espanso rapidamente.

Tra il 2007 e il 2009, Greg e io siamo diventati amici (o, almeno, è quello in cui credevo), e non ho sentito alcuna ragione esplicita per frenare lo sviluppo dei nostri progetti combinati. Abbiamo ampliato la tipografia, assunto personale di talento e siamo saliti all’occasione crescente. Durante quel periodo, Greg chiamava abitualmente per parlare della sua vita, del matrimonio, delle lotte per gli affari e mi invitava regolarmente a casa sua in Arizona, in vari viaggi legati al CrossFit, ecc. Ho apprezzato anche se raramente accettato, perché eravamo al collo- lavorando profondamente sia in palestra, sia sviluppando la nostra “partnership”.

Il mio errore è stato presumere che un “contratto” di stretta di mano significasse per gli altri lo stesso significato per me.

Nel 2009, con i nostri progetti coordinati in piena attività, fui chiamato di punto in bianco, da un ficcanaso chiacchierone di Greg, e poi da un avvocato CrossFit intelligente e stilizzato. Entrambi hanno avuto il compito di consegnare il messaggio che, con effetto immediato, non ci era più permesso di usare il nome CrossFit senza il marchio specifico dell’affiliato, e molto più seriamente- che

il sito di crossfitshirts.com doveva essere consegnato immediatamente a loro.

Senza esagerare con la mano, mi è sembrato uno scherzo. Abbiamo sempre lottato: ho lavorato e gestendo piccole aziende di alta qualità per oltre 25 anni, e alla fine eravamo impegnati in qualcosa che stava crescendo e pienamente nella nostra timoniera.

Ho fatto tutto il possibile per capire cosa stesse realmente accadendo, Greg non avrebbe restituito chiamate, messaggi o e-mail e alla fine mi è stata data la “opzione” di trasportare tutti i restanti softgood a un altro evento affiliato ad Austin, in Texas, e tentare di vendili. Avendo venduto camicie in spettacoli ed eventi sin da quando ero un adolescente, sapevo esattamente come sarebbe andata (male), ma non avevo altra scelta. Dopo aver pagato le spese di spedizione per gli indumenti e il viaggio, e venduto meno della metà di quello che avevamo portato, a meno della metà dei prezzi che di solito pagavamo, avevo perso diverse migliaia di dollari.

Fu nello stesso periodo in cui il cattivo processo decisionale, la leadership basata sull’ego e la miopia portarono via alcune delle menti più progressive, accattivanti e rispettate in CrossFit, tra cui Robb Wolf, James “OPT” Fitzgerald e Greg Everett – tre persone che ho rispettato dalla prima esposizione e le cui posizioni ho preso molto sul serio. Sapevo allora, anche se ero decisamente ai margini rispetto a quei tre, che la nostra “partnership” era veramente finita; Ero stato ritenuto sacrificabile o peggio, e dovevamo agire di conseguenza.

Con il senno di poi, avrei dovuto ridimensionare, rinunciare alla nostra seconda macchina da stampa appena acquistata, lasciare andare il nostro personale addetto alla stampa, appena assunto ed esperto, e ridimensionarmi, ma ho davvero sentito che potremmo conservare gran parte del business delle affiliate e andare avanti. Ho sbagliato molto.

La rimozione del sito crossfitshirts.com e chiaramente la nostra “benedizione CrossFit” hanno allontanato molti affiliati. Sono rimasti anche molti, e apprezzo ancora quel passo di fiducia fino ad oggi, ma la perdita è stata eccessiva, la nostra risposta non è stata quella che doveva essere, e alla fine del 2009 siamo stati costretti a chiudere la nostra tipografia e liberare il persone dedicate che lo avevano operato.

Ora saldamente indebitato, dopo essermi trasferito in tutto il paese per lavorare a un progetto che ora era morto, e dopo essere stato tradito e abbandonato da qualcuno che credevo essere un forte alleato, ho concentrato tutti i miei sforzi sulla formazione delle persone davvero, molto bene.

Mi sono incaricato di sviluppare e documentare meticolosamente i nostri processi e di adeguare gli elementi della formazione generalista su cui avevamo iniziato a lavorare a Long Beach e che sapevo essere cruciali per la nostra idea di “Progressione lineare globale”; In breve, se ci fosse un bicchiere mezzo pieno in questa storia, è che Wolf Brigade si è distinto e si è sviluppato in una delle migliori piattaforme di allenamento del mondo, in tutti i sensi e in molti modi che nessun altro ha mai affrontato. Quando le patatine erano finite, mi sono aggrappato a ciò che mi aveva portato dove ero in primo luogo:

Aiutare le persone, nel miglior modo possibile.

Greg Glassman non è mai stato una brava persona. Anche quando probabilmente quasi tutto ciò che sta leggendo questo lo credeva, era ancora un uomo altamente giudicante, di mentalità d’élite (in tutti i modi sbagliati) e opportunista che si sentiva a suo agio nel dire a chiunque avrebbe ascoltato quanto fosse meglio, mentre offrendo pochissime prove di tale affermazione.

In questo momento in questo momento, ci sono molti affiliati / ex-affiliati / partecipanti che stanno mettendo in discussione la loro direzione, i prossimi passi e hanno bisogno di “controllo dei danni”. Come qualcuno che è stato spesso preso di mira e attaccato in base alle parole irresponsabili degli altri, e al di fuori dell’argomento attuale, dirò questo:

Stai per ciò che sai è giusto e stai fottutamente duro. Fai ciò che è giusto, non quello che ti viene detto.

Se quello che vuoi fare è formare le persone, allora cerca ogni via di progresso e fatti a tua disposizione ed eccellere nel tuo mercato.

In risposta a non offrire mai protezione del territorio agli affiliati, Greg direbbe “La crema sale in cima”; Ora è il momento di dimostrare questa teoria su di voi. Il clima attuale sta creando spiacevoli vittime tra le piccole strutture che altrimenti sarebbero sopravvissute e l’idea di dover prendere le distanze e ridisegnare il marchio da qualcosa su cui è stata fondata una fondazione è a dir poco scoraggiante.

Ma non è impossibile. E tra l’attuale acrimonia e negatività, è importante ricordare che CrossFit DID – in un modo o nell’altro, e funzionalmente o disfunzionalmente – dimostra a tutti noi che siamo più forti di quanto pensiamo di essere.

Affiliati, ex affiliati, partecipanti:

Ora è il momento di “dimostrare la tua forma fisica” … E non ha nulla a che fare con burpees o salti di box.

CrossFit mi ha fatto conoscere concetti e idee che non avevo mai visto prima, e ho preso la palla e ho corso con essa. Greg Glassman ha collaborato con me – un piccolo idealista indipendente, malsano, guidato dalla passione – e mi ha lasciato andare freddo senza mai nemmeno offrire una parola di conforto, un atto di contrizione o anche tanto di scuse – Proprio come ha fatto a tutti voi, di recente.

Quel tradimento ha chiuso una porta e ne ha aperta un’altra – come ha fatto per molti che sono rimasti in quel periodo, e sotto scismi simili – e l’ho usata per rafforzare il fuoco che già avevo e sviluppare un marchio e un sistema di allenamento molto più trasferibili, accessibile su più livelli ed efficace di qualsiasi cosa CrossFit abbia mai fatto.

Se io / noi potremmo essere di qualche aiuto, la nostra porta è aperta.

Non stiamo cercando di capitalizzare la sfortuna di questa situazione, ma è qualcosa che abbiamo avuto il dispiacere di essere in grado di prevedere a lungo, vivere attraverso noi stessi e ora possedere le capacità e le capacità per aiutare gli altri attraverso di essa.

Dopotutto, TUTTO questo – almeno per quelli che dovrebbero essere ancora qui – è incentrato sull’aiutare gli altri.

Candidamente e sinceramente, Greg Walsh

Una lettera aperta a CrossFit: fitness, crossfit, fitness funzionale, kettlebell, GPP, mazza, bilancieri, fitness sovversivo, palestra

.