Perché i partner di formazione sono essenziali


Qualcuno è peculiare che intraprende un sentiero pericoloso o scala la vetta più alta, senza il supporto di una squadra e l’incoraggiamento di un partner che fa il trekking con loro. Se qualcuno fa un’escursione su una montagna mostruosa da solo, probabilmente lo hanno già fatto molte volte prima con altri. Per prima cosa hanno fatto affidamento sull’aiuto di una guida e sull’aiuto di una banda di persone che si sono impegnate con loro prima di poterlo fare da sole.

Il desiderio di condividere un’esperienza è praticamente lo stesso per chiunque inizi una nuova pratica fisica o di fitness. Potrebbe essere iniziare un nuovo sport o andare in palestra per la prima volta per iniziare ad allenarsi. E se pensi, perché dovrebbe essere lo stesso? È un comportamento umano. In entrambi i casi, hai bisogno di guida e compagnia con gli altri che vogliono condividere questa esperienza e intraprendere lo stesso lavoro.

La palestra tipica

Che tipo di tassi di turnover nelle iscrizioni vedono le grandi palestre? Immagino che ci siano statistiche su questo da qualche parte, ma anche senza di loro, è una conclusione sicura per raggiungere che è alto. Alcuni centri benessere hanno anche creato una struttura in cui i membri pagano automaticamente le quote ogni mese anche se raramente, se mai, vengono e utilizzano la struttura.

L’intera canalizzazione di appartenenza dal marketing al post-vendita è progettata e organizzata per fare proprio questo. Questi centri benessere sono, ovviamente, disonesti riguardo alle loro intenzioni. Tuttavia, l’intero framework frammenta i membri e li isola l’uno dall’altro in modo che non possano mai legarsi insieme in gruppi o ricevere il supporto necessario l’uno dall’altro per continuare a venire.

Quello che bramiamo

Alla fine, la maggior parte dei nostri comportamenti e della nostra guida provengono dalla ricerca di una connessione. Questo include le ambizioni di mettersi in forma. Quando le persone possono e si incontrano per condividere un’attività come il sollevamento pesi, si collegano. Ma c’è di più che sentire una connessione a causa dell’interesse condiviso.

Quando migliori fisicamente te stesso, la tua salute, resistenza, rendimento e aspetto cambiano in meglio, e la tua mente, qualunque cosa tu possa pensare, non è scollegata dal tuo corpo o dal tuo spirito. Se la tua salute fisica migliora, anche la tua salute mentale e viceversa.

Quando la mente e il corpo sono in armonia,

  • Puoi connetterti più profondamente con ogni esperienza e con ogni persona.
  • Hai una migliore direzione su come vivere la tua vita.
  • Puoi ricevere l’energia dell’esperienza condivisa.
  • Sei più a tuo agio con te stesso e questo lo mostrerà agli altri.
  • Ti collegherai sinceramente con gli altri quando funzionerai dall’autenticità.

Con la connessione, le esperienze che condividiamo possono diventare la narrazione che tutti noi vogliamo costruire con gli amici. Vogliamo creare una storia insieme che possiamo in seguito ricordare e rivivere insieme.

Le palestre possono essere un ottimo posto per trovarlo. La condivisione di lotte fisiche senza dubbio avvicina gli amici. È per questo che trasformiamo i partner di formazione in amici e trasformiamo i nostri amici in nostri partner di formazione.

L’esperienza di legame è molto più probabile che accada in una palestra indipendente più piccola rispetto a un tipo aziendale significativo. Queste palestre indipendenti più piccole con comunità vicine forniscono immediatamente una connessione con gli altri che stanno lavorando a questa forza focalizzata o disciplina ad alta intensità.

E dovresti lavorare per trovare un posto come questo in cui allenarti se stai cercando fitness all’interno di quattro mura. Questo è quando troveremo un posto per soddisfare ciò che bramiamo con le persone che possono identificarsi con questo desiderio.

Lotta, condivisa

La necessità di una lotta con cui lottare è costruita negli esseri umani. Non abbiamo progredito superato questa esigenza primaria, e non è una questione di opinione.

Se non abbiamo alcuna apparente lotta esterna con cui aggrovigliarci, creiamo una finta battaglia nelle nostre teste, nelle nostre vite quotidiane, nelle nostre relazioni e talvolta nella società. La creazione di un conflitto immaginario è un percorso di auto-sabotaggio, qualcosa di cui posso parlare.

Scegliere e sfidare strategicamente alcune lotte fisiche per affrontare ogni giorno ci impedisce di creare conflitti mentali artificiali che sono dannosi piuttosto che istruttivi. Ma ecco il problema: la battaglia fisica deve essere abbastanza grave e abbastanza significativa nella nostra testa, secondo il nostro standard, per impedirci di creare conflitti mentali più forzati che generano l’auto-sabotaggio.

Sembra che ognuno di noi abbia un giudice interiore che decide se ciò che stiamo facendo merita i nostri sforzi e la nostra attenzione senza distrazioni. In caso contrario, le nostre menti vagheranno e cercheremo altri conflitti.

Ma quando trascorriamo del tempo con altri che condividono lo stesso tipo di lotta come noi, fisici o meno, e li vediamo entusiasti di lottare con esso, la montagna stessa sembra intrinsecamente utile.

È essenziale per il nostro gruppo, quindi riteniamo che sia innegabilmente cruciale. Ed è per questo che è necessario allenarsi in una disciplina fisica o praticare uno sport con i compagni di squadra per evitare di smettere.

Il ruolo della lotta

Il mio allenatore e datore di lavoro powerlifting, quando ero un allenatore della forza del college, è stato anche il mio compagno di allenamento per molti anni. Ha scelto di mantenere la lotta per essere il più forte che potesse essere all’inizio della sua vita e mai deviato da questo.

Quando mi sono allenato con lui, la mia vita era semplice e la mia mente libera. Le mie preoccupazioni erano poche e la mia mente era sul mio lavoro e sulla mia formazione. Ho affrontato la lotta del mio allenatore e concentrato la mia volontà su di essa, e mi ha tenuto su una strada diretta. Sono migliorato singolarmente in questo, e la mia concentrazione mi ha impedito di inutili complessità nella mia vita.

Poi, ho lasciato quel lavoro, quel posto, il compagno di formazione e quel particolare lavoro. E senza quel degno sforzo, ho complicato la mia vita. Le complicazioni mi hanno spinto ulteriormente dall’allenamento, e senza qualcuno con cui condividere la pratica, mi sono allontanato da qualsiasi ricerca fisica mirata.

Passarono gli anni; Ho ricominciato con il sollevamento pesi olimpico, ma senza coerenza o diligenza. Tuttavia, alla fine, mi sono trovato nella posizione fortunata di avere grandi allenatori di sollevamento pesi e ex sollevatori di pesi olimpici di livello mondiale che vengono nella mia palestra. Sono stato istruito da loro e ho avuto l’opportunità di allenarmi al loro fianco.

Devo vivere nuove storie e condividerle con nuove persone. Mi hanno fornito supporto e amicizia, e sono avanzato e maturato nel sollevamento pesi e nell’imparare a incanalare le mie energie su un focus maggiore, la mia stagione di vita.

Ho mantenuto il mio obiettivo di condividere una lotta fisica e ho iniziato ad aggiungere altro. Mi sono connesso con i combattenti della Muay Thai e successivamente con i giocatori del Jiu-Jitsu brasiliano. Ho trascorso del tempo con avversari più esperti e ho imparato come hanno pensato al loro lavoro. Ho scoperto che gli atleti di sport da combattimento e gli artisti marziali hanno un modo insolito di unirsi per avanzare personalmente e individualmente.

Nell’allenamento con i pesi, i partner di allenamento si supportano a vicenda per superare alcune barriere esterne. Ma nella scuola di arti marziali, si mettono alla prova e combattono l’uno contro l’altro per spingere e crescere internamente. Non si tratta solo di contestare la persona che hai di fronte; si tratta di spingere contro le tue lotte e barriere interne e di utilizzare la lotta con gli altri come strumento per farlo.

Quasi tutti in questi luoghi lo capiscono anche se non lo riconoscono. Quindi quando lo sparring e la pratica sono finiti, sentono una connessione più grande l’uno con l’altro rispetto a prima. Sono grati all’altra persona per il dono ricevuto. Hanno condiviso un’esperienza che li aiuterà entrambi nel loro cammino verso il progresso e la comprensione.

Determina il tuo veicolo per la crescita

Jiu-jitsu sembra essere uno dei migliori veicoli per la crescita personale, e da ciò deriva la necessità di una comunità di persone di supporto. Sto parlando come un principiante assoluto senza esperienza e solo una nuova prospettiva per confrontare i modelli di comportamento che ho osservato altrove.

Tutte le arti marziali possono essere descritte come una partita di scacchi fisica tra avversari. E Jiu-jitsu sembra essere una delle partite di scacchi più difficili. La lotta e lo sciopero richiedono risposte istintive che devono diventare un’abitudine.

Ma c’è anche una lotta intellettuale attiva mentre modifichi le strategie, leggi il tuo avversario e modifichi i tuoi movimenti mentre la persona di fronte a te reagisce alle tue mosse e azioni.

La complessità e la possibilità di attacchi e difese nel Jiu-Jitsu rendono tutto ciò ancora più complicato. Quindi, è necessario rotolare con diversi tipi di persone in una scuola per esercitare la tua forza e facoltà. Tutti su quel tappeto lo capiscono e creano un riconoscimento totalmente condiviso che questa è una lotta utile. Formano un gruppo di persone che credono che questa pratica creerà una persona migliore.

Condividi i successi

Qualsiasi cosa fatta è meglio se condivisa con gli altri. Rende il buono, il migliore. C’è uno spirito tra le persone quando vincono insieme e realizzano qualcosa insieme in cooperazione e sostegno. Quando avanzano collettivamente, è quasi come se ci fosse un’altra forza con loro, uno spirito riconoscibile indipendente da una sola persona.

C’è anche responsabilità quando condividi i tuoi sforzi con un gruppo. Nessuna persona può essere impeccabile nei propri sforzi o essere assolutamente obiettiva su dove stanno arrivando a corto e dove devono concentrarsi sul miglioramento.

Tutti hanno bisogno di partner di formazione per essere onesti con loro per tirarli, spingerli, trascinarli o raccoglierli a volte, e hanno anche bisogno di imparare com’è farlo per gli altri. Se lo faranno, capiranno e conosceranno quello spirito. Dando questo, possono riceverlo meglio e con un effetto più significativo.

Questa è la bellezza del gruppo che condivide l’avventura. Ecco perché trovare questo gruppo e i tuoi compagni di allenamento, indipendentemente dalla forma fisica o dal movimento che scegli, è innegabilmente essenziale. Un partner ti farà continuare a farlo e ti darà uno scopo. E con questo scopo, puoi rimanere in pista anche quando la vita sembra fare tutto il possibile per spingerti fuori pista.

Jesse compete nello sport del sollevamento pesi olimpico, ed era anche precedentemente un powerlifter competitivo. È stato presentato in importanti pubblicazioni su fitness e fitness. Puoi leggere altre sue opere sul suo sito web.

Potrebbe piacerti anche:

.

Perché i partner di formazione sono essenziali


Qualcuno è peculiare che intraprende un sentiero pericoloso o scala la vetta più alta, senza il supporto di una squadra e l’incoraggiamento di un partner che fa il trekking con loro. Se qualcuno fa un’escursione su una montagna mostruosa da solo, probabilmente lo hanno già fatto molte volte prima con altri. Per prima cosa hanno fatto affidamento sull’aiuto di una guida e sull’aiuto di una banda di persone che si sono impegnate con loro prima di poterlo fare da sole.

Il desiderio di condividere un’esperienza è praticamente lo stesso per chiunque inizi una nuova pratica fisica o di fitness. Potrebbe essere iniziare un nuovo sport o andare in palestra per la prima volta per iniziare ad allenarsi. E se pensi, perché dovrebbe essere lo stesso? È un comportamento umano. In entrambi i casi, hai bisogno di guida e compagnia con gli altri che vogliono condividere questa esperienza e intraprendere lo stesso lavoro.

La palestra tipica

Che tipo di tassi di turnover nelle iscrizioni vedono le grandi palestre? Immagino che ci siano statistiche su questo da qualche parte, ma anche senza di loro, è una conclusione sicura per raggiungere che è alto. Alcuni centri benessere hanno anche creato una struttura in cui i membri pagano automaticamente le quote ogni mese anche se raramente, se mai, vengono e utilizzano la struttura.

L’intera canalizzazione di appartenenza dal marketing al post-vendita è progettata e organizzata per fare proprio questo. Questi centri benessere sono, ovviamente, disonesti riguardo alle loro intenzioni. Tuttavia, l’intero framework frammenta i membri e li isola gli uni dagli altri in modo che non possano mai legarsi insieme in gruppi o ricevere il supporto di cui hanno bisogno gli uni dagli altri per continuare a venire.

Quello che bramiamo

Alla fine, la maggior parte dei nostri comportamenti e della nostra guida provengono dalla ricerca di una connessione. Questo include le ambizioni di mettersi in forma. Quando le persone possono e si incontrano per condividere un’attività come il sollevamento pesi, si collegano. Ma c’è di più che sentire una connessione a causa dell’interesse condiviso.

Quando migliori fisicamente te stesso, la tua salute, resistenza, rendimento e aspetto cambiano in meglio, e la tua mente, qualunque cosa tu possa pensare, non è scollegata dal tuo corpo o dal tuo spirito. Se la tua salute fisica migliora, anche la tua salute mentale e viceversa.

Quando la mente e il corpo sono in armonia,

  • Puoi connetterti più profondamente con ogni esperienza e con ogni persona.
  • Hai una migliore direzione su come vivere la tua vita.
  • Puoi ricevere l’energia dell’esperienza condivisa.
  • Sei più a tuo agio con te stesso e questo lo mostrerà agli altri.
  • Ti collegherai sinceramente con gli altri quando funzionerai dall’autenticità.

Con la connessione, le esperienze che condividiamo possono diventare la narrazione che tutti noi vogliamo costruire con gli amici. Vogliamo creare una storia insieme che possiamo in seguito ricordare e rivivere insieme.

Le palestre possono essere un ottimo posto per trovarlo. La condivisione di lotte fisiche senza dubbio avvicina gli amici. È per questo che trasformiamo i partner di formazione in amici e trasformiamo i nostri amici in nostri partner di formazione.

L’esperienza di legame è molto più probabile che accada in una palestra indipendente più piccola rispetto a un tipo aziendale significativo. Queste palestre indipendenti più piccole con comunità vicine forniscono immediatamente una connessione con gli altri che stanno lavorando a questa forza focalizzata o disciplina ad alta intensità.

E dovresti lavorare per trovare un posto come questo in cui allenarti se stai cercando fitness all’interno di quattro mura. Questo è quando troveremo un posto per soddisfare ciò che bramiamo con le persone che possono identificarsi con questo desiderio.

Lotta, condivisa

La necessità di una lotta con cui lottare è costruita negli esseri umani. Non abbiamo progredito superato questa esigenza primaria, e non è una questione di opinione.

Se non abbiamo alcuna apparente lotta esterna con cui aggrovigliarci, creiamo una finta battaglia nelle nostre teste, nelle nostre vite quotidiane, nelle nostre relazioni e talvolta nella società. La creazione di un conflitto immaginario è un percorso di auto-sabotaggio, qualcosa di cui posso parlare.

Scegliere e sfidare strategicamente alcune lotte fisiche per affrontare ogni giorno ci impedisce di creare conflitti mentali artificiali che sono dannosi piuttosto che istruttivi. Ma ecco il problema: la battaglia fisica deve essere abbastanza grave e abbastanza significativa nella nostra testa, secondo il nostro standard, per impedirci di creare conflitti mentali più forzati che generano l’auto-sabotaggio.

Sembra che ognuno di noi abbia un giudice interiore che decide se ciò che stiamo facendo merita i nostri sforzi e la nostra attenzione senza distrazioni. In caso contrario, le nostre menti vagheranno e cercheremo altri conflitti.

Ma quando trascorriamo del tempo con altri che condividono lo stesso tipo di lotta come noi, fisici o meno, e li vediamo entusiasti di lottare con esso, la montagna stessa sembra intrinsecamente utile.

È essenziale per il nostro gruppo, quindi riteniamo che sia innegabilmente cruciale. Ed è per questo che è necessario allenarsi in una disciplina fisica o praticare uno sport con i compagni di squadra per evitare di smettere.

Il ruolo della lotta

Il mio allenatore e datore di lavoro powerlifting, quando ero un allenatore della forza del college, è stato anche il mio compagno di allenamento per molti anni. Ha scelto di mantenere la lotta per essere il più forte che potesse essere all’inizio della sua vita e mai deviato da questo.

Quando mi sono allenato con lui, la mia vita era semplice e la mia mente libera. Le mie preoccupazioni erano poche e la mia mente era sul mio lavoro e sulla mia formazione. Ho affrontato la lotta del mio allenatore e concentrato la mia volontà su di essa, e mi ha tenuto su una strada diretta. Sono migliorato singolarmente in questo, e la mia concentrazione mi ha impedito di inutili complessità nella mia vita.

Poi, ho lasciato quel lavoro, quel posto, il compagno di formazione e quel particolare lavoro. E senza quel degno sforzo, ho complicato la mia vita. Le complicazioni mi hanno spinto ulteriormente dall’allenamento, e senza qualcuno con cui condividere la pratica, mi sono allontanato da qualsiasi ricerca fisica mirata.

Passarono gli anni; Ho ricominciato con il sollevamento pesi olimpico, ma senza coerenza o diligenza. Tuttavia, alla fine, mi sono trovato nella posizione fortunata di avere grandi allenatori di sollevamento pesi e ex sollevatori di pesi olimpici di livello mondiale che vengono nella mia palestra. Sono stato istruito da loro e ho avuto l’opportunità di allenarmi al loro fianco.

Devo vivere nuove storie e condividerle con nuove persone. Mi hanno fornito supporto e amicizia, e sono avanzato e maturato nel sollevamento pesi e nell’imparare a incanalare le mie energie su un focus maggiore, la mia stagione di vita.

Ho mantenuto il mio obiettivo di condividere una lotta fisica e ho iniziato ad aggiungere altro. Mi sono connesso con i combattenti della Muay Thai e successivamente con i giocatori brasiliani del Jiu-Jitsu. Ho trascorso del tempo con avversari più esperti e ho imparato come hanno pensato al loro lavoro. Ho scoperto che gli atleti di sport da combattimento e gli artisti marziali hanno un modo insolito di unirsi per avanzare personalmente e individualmente.

Nell’allenamento con i pesi, i partner di allenamento si supportano a vicenda per superare alcune barriere esterne. Ma nella scuola di arti marziali, si mettono alla prova e combattono l’uno contro l’altro per spingere e crescere internamente. Non si tratta solo di contestare la persona che hai di fronte; si tratta di spingere contro le tue lotte e barriere interne e di utilizzare la lotta con gli altri come strumento per farlo.

Quasi tutti in questi luoghi lo capiscono anche se non lo riconoscono. Quindi quando lo sparring e la pratica sono finiti, sentono una connessione più grande l’uno con l’altro rispetto a prima. Sono grati all’altra persona per il dono ricevuto. Hanno condiviso un’esperienza che li aiuterà entrambi nel loro cammino verso il progresso e la comprensione.

Determina il tuo veicolo per la crescita

Jiu-jitsu sembra essere uno dei migliori veicoli per la crescita personale, e da ciò deriva la necessità di una comunità di persone di supporto. Sto parlando come un principiante assoluto senza esperienza e solo una nuova prospettiva per confrontare i modelli di comportamento che ho osservato altrove.

Tutte le arti marziali possono essere descritte come una partita di scacchi fisica tra avversari. E Jiu-jitsu sembra essere una delle partite di scacchi più difficili. La lotta e lo sciopero richiedono risposte istintive che devono diventare un’abitudine.

Ma c’è anche una lotta intellettuale attiva mentre modifichi le strategie, leggi il tuo avversario e modifichi i tuoi movimenti mentre la persona di fronte a te reagisce alle tue mosse e azioni.

La complessità e la possibilità di attacchi e difese nel Jiu-Jitsu rendono tutto ciò ancora più complicato. Quindi, è necessario rotolare con diversi tipi di persone in una scuola per esercitare la tua forza e facoltà. Tutti su quel tappeto lo capiscono e creano un riconoscimento totalmente condiviso che questa è una lotta utile. Formano un gruppo di persone che credono che questa pratica creerà una persona migliore.

Condividi i successi

Qualsiasi cosa fatta è meglio se condivisa con gli altri. Rende il buono, il migliore. C’è uno spirito tra le persone quando vincono insieme e realizzano qualcosa insieme in cooperazione e sostegno. Quando avanzano collettivamente, è quasi come se ci fosse un’altra forza con loro, uno spirito riconoscibile indipendente da una sola persona.

C’è anche responsabilità quando condividi i tuoi sforzi con un gruppo. Nessuna persona può essere impeccabile nei propri sforzi o essere assolutamente obiettiva su dove stanno arrivando a corto e dove devono concentrarsi sul miglioramento.

Tutti hanno bisogno di partner di formazione per essere onesti con loro per tirarli, spingerli, trascinarli o raccoglierli a volte, e hanno anche bisogno di imparare com’è farlo per gli altri. Se lo faranno, capiranno e conosceranno quello spirito. Dando questo, possono riceverlo meglio e con un effetto più significativo.

Questa è la bellezza del gruppo che condivide l’avventura. Ecco perché trovare questo gruppo e i tuoi compagni di allenamento, indipendentemente dalla forma fisica o dal movimento che scegli, è innegabilmente essenziale. Un partner ti farà continuare a farlo e ti darà uno scopo. E con questo scopo, puoi rimanere in pista anche quando la vita sembra fare tutto il possibile per spingerti fuori pista.

Jesse compete nello sport del sollevamento pesi olimpico, ed era anche precedentemente un powerlifter competitivo. È stato presentato in importanti pubblicazioni su fitness e fitness. Puoi leggere altre sue opere sul suo sito web.

Potrebbe piacerti anche:

.