Un prete mette 50 bambini per spingere la sua Porsche a un evento


Che i sacerdoti della Chiesa cattolica e altri rappresentanti religiosi simili non abbiano sempre ragione, questo è un dato di fatto. Solo mettere 50 bambini per spingere un'auto di lusso in processione era troppo per la comunità.

Vicino alla Sicilia, su un'isola chiamata Gozo, padre John Sultana ha compiuto un'altra azione che è stata veemente criticata dalla popolazione locale e dalle persone sui social media. Sai cosa è successo.

Il sacerdote mette 50 bambini a spingere la sua Porsche

Immagine di credito: Dicasonline

Per annunciare il suo arrivo in città, il prete locale ebbe un'idea, almeno discutibile e giudicata da molti, come di cattivo gusto: mise 50 bambini a tirare una macchina decappottabile, dove stava agitando.

Così, salì su una Porsche Boxster con il cofano retratto e salutò fino in fondo, mentre 25 bambini e ragazze tirarono il veicolo che lo trasportava.

Non è chiaro perché una scelta così sbagliata, poiché ci sono molte altre opzioni interessanti, tra cui il motore dell'auto. Guarda il video:

Commenti sul fatto

Un professore di teologia all'università locale, René Camilleri, disse, senza il minimo desiderio di essere delicato, che l'evento era accaduto. Era una gran cazzata. Per il giornale locale, non solo il prete aveva torto, ma anche i familiari che lasciavano che i loro figli tirassero il veicolo.

Credito immagine: Dicasonline

Un altro sacerdote dichiarò che "la chiesa rivela un grado di leggerezza che rende difficile attrarre nuovi credenti, compiendo azioni stupide come questa». Molti hanno criticato quanto fosse inutile usare una Porsche durante la parata , ricordando che a papa Francesco era stata consegnata un'auto di lusso e non l'aveva mai usata, la vendette all'asta e donò il denaro in beneficenza.

Explanations

Credito immagine: Dicasonline

Secondo un politico locale , il sacerdote non intendeva mettersi in mostra o apparire superiore, poiché l'auto era stata presa in prestito da un parente. La cosa più curiosa è che il parente possiede un concessionario locale e, sulla targa, invece di numeri, aveva il marchio.

Il prete non diede alcuna spiegazione e disse che non c'era nulla su cui commentare, dato che non era nemmeno un problema … degno di esso. Disse a malapena che molte delle critiche ricevute non erano neppure corrette. [19659016] (funzione (indietro o) {setTimeout (function () {(function (d, s, id) {var js, fjs = d.getElementsByTagName (s) [0]; if (d.getElementById (id)) restituisce; js = d.createElement (s); js.onload = function () {FB.Event.subscribe (& # 39; xfbml.render & # 39;, function () {jQuery (& # 39; .g1-fb-page-caricamento-indicatore & # 39;). remove (); jQuery (& # 39;. g1-fb-page-loading & # 39;). removeClass (& # 39; g1-fb-page-loading & # 39;); jQuery (& # 39; body & # 39;) .trigger (& # 39; g1PageHeightChanged & # 39;);});}; js.id = id; js.src = "http://connect.facebook.net/en_US/sdk.js#xfbml=1&version=v2.5"; fjs.parentNode.insertBefore (js, fjs);} (documento, & # 39; script & # 39;, & # 39; facebook-jssdk & # 39;));}, delay);}) (0);

Anitta "anticiperà" il Carnevale a San Paolo nel giorno dell'anniversario della città – Virgula


Crediti: Riproduzione / Instagram

Crediti: Riproduzione / Instagram

Crediti: Riproduzione / Instagram

Crediti: Riproduzione / Instagram

Crediti: Riproduzione / Instagram

Crediti: Riproduzione / Instagram

]