Solo il 10% dei casi di carcinoma mammario è di origine ereditaria


Lo sviluppo del cancro al seno nelle donne non è necessariamente ereditario, nella maggior parte dei casi non ha nulla a che fare con la famiglia. Ricerche recenti mostrano che il carcinoma mammario ereditario rappresenta meno del 10% dei casi, mentre le influenze sullo stile di vita e altri fattori rappresentano oltre il 90% dei casi.

Meet the Study

Il cancro in generale può o meno essere ereditario. Tuttavia, la ricerca mostra che l'origine ereditaria di questa malattia è inferiore al 10% dei casi. L'American Cancer Society conferma che tutte e 8 le donne di 75 anni saranno diagnosticate con carcinoma mammario.

La dott.ssa Guilherme Ilha de Mattos, mastologa dell'Istituto brasiliano per il controllo del cancro, spiega che la maggior parte dei casi di tumore al seno, dal 90 al 95% circa, non sono ereditari, ma sono causati da mutazioni genetiche. associato a fattori esterni.

Credito immagine: Tipsonline

I fattori esterni citati dal Dr. Guilherme si riferiscono a un'alimentazione sana, attività fisica, fumo o consumo di alcol. Tuttavia, ci sono anche fattori correlati al corpo, come le donne che assumono pillole anticoncezionali, che aumentano i livelli di estrogeni nei loro corpi.

Uno dei principali sintomi di questa malattia è il nodulo o il nodulo al seno, che di solito è indolore ma palpabile con l'autoesame. Secondo il National Cancer Institute (Inca), ogni anno vengono diagnosticate 59.700 donne con carcinoma mammario. Inca afferma anche che questo è il tumore più comune in tutto il mondo tra le donne sopra i 35 anni e ancora più comune dopo 50 anni.

Per il trattamento più efficace di qualsiasi tumore, la diagnosi precoce è fondamentale. Ecco perché ogni anno le donne sopra i 40 anni dovrebbero avere una mammografia. Il test è importante per la diagnosi precoce, quindi offre migliori opzioni di trattamento per la malattia.

Credito immagine: Tipsonline

Le donne che aderiscono al trattamento ormonale sostitutivo quando entrano in menopausa devono rispettare il limite di sicurezza relativo alla quantità di ormoni che entrano nel corpo. Dopo 50 anni, nonostante la diminuzione degli estrogeni nel corpo, è ancora presente ed è un importante fattore di rischio per lo sviluppo della malattia.

Il Dr. Guilherme afferma anche che la gravidanza prima dei 30 anni aiuta a prevenire il cancro. Questo perché durante la gravidanza, il tessuto mammario si sviluppa completamente, prevenendo future mutazioni genetiche. Il medico dice anche che in una gravidanza dopo 40 anni, ciò non accade.