Sthefany Brito rivela il nome di suo figlio e si emoziona quando spiega il significato – Virgula


“È dura. È quello che ha detto.”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

“Un’offerta da Skype”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

“Omero, dolce, Omero”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

“In realtà è chimica di base”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

“Il trono di velluto”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

“Divertente come a volte trovi solo cose”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

“Alcuni arresti non sono stati fatti per essere evasi”

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

Combatti i non informati. Temi i vivi

Crediti: Riproduzione / Panda annoiato / Jure Tovrljan

.

Maisa si emoziona quando si scusa con i “capelli” e dà una lezione di autostima – Virgula


Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

Crediti: riproduzione / Instagram

.

Il bambino grida “Papà!” alla fine del processo di adozione ed emoziona la famiglia


L’audizione sull’adozione è un momento per consolidare l’unione di una famiglia, essendo un atto straordinario. Ciò è confermato nella storia di un soldato americano con sindrome da stress post-traumatico e sua moglie con malattia cronica. Dopo molte lotte, sono finalmente riusciti ad adottare il loro bambino. Conosci la storia!

Una nuova famiglia emotiva

La prima volta che la coppia ha visto il piccolo Hunter, che all’epoca aveva 8 mesi, è stato amore a prima vista. Sembrava nata per essere la loro bambina. Hanno poi seguito il processo di adozione che è durato ben 16 mesi, terminando quando Hunter aveva 2 anni.

Ma prima di tutto, è importante sapere che dietro questo atto ci sono due bellissime storie di superamento. Il padre adottivo – Tyler – faceva parte dell’esercito americano. Quindi ha combattuto duramente in Afghanistan, a cui è stata diagnosticata la sindrome da stress post-traumatico.

Baby urla papà! al termine del processo di adozione
Credito: Love What Matters

Alla madre, Mandi, fu diagnosticata la malattia di Crohn quando aveva 15 anni, vivendo con questa condizione per più di due decenni. È in costante lotta contro la malnutrizione, a causa dell’effetto negativo che questa malattia infiammatoria ha sul suo intestino. Pertanto, è anche difficile rimanere incinta. Mandi racconta come è stato il tentativo:

“Abbiamo provato a rimanere incinta per anni, ma presto ci siamo resi conto che non sarebbe successo, né sarebbe stato sicuro per il mio corpo sostenere il miracolo della gravidanza, a causa della mia malattia. Avevamo il cuore spezzato e rapidamente ci siamo trovati alla ricerca di altri modi per far crescere la nostra famiglia e diventare genitori. Non eravamo persone che avrebbero semplicemente “gettato la spugna” e lasciato da parte il nostro sogno di diventare genitori “.

Detto questo, la coppia ha deciso di adottare. Quindi si prepararono a prendersi cura di un bambino e andarono ai servizi per bambini. La passione per il piccolo Hunter è stata immediata e hanno iniziato il processo.

Alla fine del processo, il giudice ha letto il decreto di adozione e ha introdotto il cognome Palmer come il nuovo cognome del bellissimo bambino di 2 anni. Ma quello che il piccolo ha fatto subito dopo ha toccato tutti a corte. L’ultimo membro della famiglia Palmer guardò Tyler brillantemente, batté le mani e lo chiamò “Papà”. Non riuscì a trattenersi e il primo abbraccio della famiglia fu tra lacrime di felicità.

Baby urla papà! alla fine del processo di adozione e brividi
Credito: Love What Matters

Al termine del processo di adozione, Mandi afferma: “I nostri cuori sono cambiati per sempre, perché ora conosciamo l’amore vero e genuino. Sappiamo che sarà sempre al sicuro con noi e, soprattutto, sapremo sempre cos’è l’amore ”. Dopotutto, la parola famiglia non riguarda genetica, ma amore!