L’esaurimento emotivo e la conseguenza dell’esigenza di essere forti sono molto peggio dell’esaurimento fisico


Condividi con i tuoi amici!

Mi sento stanco e non so perché. Ogni giorno è più frequente sentire l’espressione “Sono esausto” intorno a noi. E quella sensazione a volte è normale, considerando lo stile di vita frenetico di oggi. Il problema principale non è la fatica stessa, ma le possibili conseguenze, i limiti dello stile di vita che ciò implica, dal momento che le persone colpite non si sentono in grado di svolgere attività abituali.

L’esaurimento emotivo è uno stato influenzato dal sovraccarico di sforzo. In questo caso, non stiamo solo parlando di eccessi sul lavoro, ma di assumerci la responsabilità di affrontare conflitti, responsabilità o stimoli di natura emotiva o cognitiva.

L’esaurimento emotivo non accade da un momento all’altro. È un processo che si incuba lentamente, al punto in cui la persona collassa. Questa rottura porta a paralisi, depressione profonda o malattia cronica. Una rottura si verifica nella vita di una persona, perché letteralmente non ce la fa più. Sebbene l’esaurimento emotivo sia vissuto come affaticamento mentale, di solito è accompagnato da grande affaticamento fisico.

Quando ciò accade, c’è una sensazione di pesantezza, dell’impossibilità di andare avanti. Quindi cade in un’inerzia dalla quale è difficile sfuggire.

Le cause dell’esaurimento emotivo

L’esaurimento emotivo nasce perché c’è uno squilibrio tra ciò che diamo È quello che ècibernetico. Coloro che ne sono vittime sono caratterizzati dal dare tutto ciò che possono, al lavoro, a casa, con il proprio partner o in qualsiasi campo.

In generale, ciò si verifica nelle aree in cui vi è una forte domanda, che, a sua volta, richiede apparentemente grandi sacrifici. Ad esempio, in un lavoro in cui vi è un alto rischio di licenziamento. O in una casa i cui membri sono interessati e richiedono cure. Anche quando abbiamo un partner in conflitto o in grave difficoltà.

Di solito, la persona esausta non ha tempo per se stessa. Né riceve sufficiente riconoscimento, affetto o considerazione. Deve “correre” sempre. Come se non avesse bisogno, o come se fosse più forte degli altri e potesse gestire tutto.

I primi sintomi di esaurimento

Prima che appaia l’esaurimento emotivo stesso, ci sono alcuni segni che lo annunciano. Questi sono segni a cui generalmente non viene data molta importanza. Se concesso, l’azione può essere intrapresa in tempo.

O i sintomi iniziali di esaurimento emotivo sono:

Stanchezza fisica.

La persona di solito si sente stanca. Da quando apre gli occhi, sperimenta come se fosse eccessivamente arduo ciò che lo attende durante il giorno.

-Insonnia.

Per quanto contraddittorio possa sembrare, una persona con stanchezza emotiva ha difficoltà a dormire. Ha sempre problemi a girare la testa e rende difficile dormire.

-Irritabilità.

C’è disagio e perdita di autocontrollo, con una certa frequenza. La persona esausta sembra di cattivo umore ed è troppo sensibile a qualsiasi critica o disapprovazione.

-Mancanza di motivazione.

Chi soffre di stanchezza emotiva inizia ad agire meccanicamente. Come se fosse costretto a fare ciò che fa sempre. Non è entusiasta o interessato alle sue attività.

-Distanza effettiva.

Le emozioni iniziano a diventare più fluide. Come se in realtà non provasse praticamente nulla.

Frequente dimenticanza.

La saturazione di informazioni e / o stimoli porta a malfunzionamenti della memoria. Le piccole cose sono facilmente trascurate.

-Difficoltà a pensare.

La persona è facilmente confusa. Ogni attività richiede più tempo di prima. Ragioni lentamente.

Sbocchi per l’esaurimento emotivo

Il modo migliore per superare l’esaurimento emotivo è, ovviamente, riposare. Devi trovare il tempo libero per rilassarti ed essere calmo. Le persone che si sforzano troppo trascorrono anni senza, ad esempio, fare una vacanza.

Questo non dovrebbe essere fatto. Prima o poi, porta solo alla fatica. Pertanto, è una buona idea riposare qualche giorno.

Un’altra soluzione è quella di lavorare per creare un atteggiamento diverso nei confronti degli obblighi quotidiani. Ogni giorno dovrebbe includere momenti da dedicare agli impegni e anche momenti di riposo e svolgimento di attività gratificanti. Le ossessioni della perfezione o della realizzazione devono essere messe da parte.

Infine, è molto importante aumentare la consapevolezza di noi stessi. Per questo, niente di meglio che passare il tempo al giorno per stare da soli. Respirare, riconnettersi con chi siamo e ciò che vogliamo.

È essenziale sviluppare un atteggiamento di comprensione e gentilezza verso noi stessi. Altrimenti, prima o poi, sarà impossibile continuare.

fonte: lamenteesmaravillosa.com

Condividi con i tuoi amici!

L'esaurimento emotivo e la conseguenza dell'esigenza di essere forti è molto peggio dell'esaurimento fisico.


Condividi con i tuoi amici!

L'esaurimento emotivo è uno stato interessato dal sovraccarico di stress . In questo caso, non stiamo solo parlando di superlavoro, ma anche di assumerci la responsabilità di assumere conflitti, responsabilità o stimoli emotivi o cognitivi.

L'esaurimento emotivo non si verifica di volta in volta. È un processo di incubazione lento al punto in cui la persona collassa. Questa rottura ti immerge in paralisi, depressione profonda o malattia cronica.

C'è una rottura nella vita di una persona perché letteralmente non ce la fa più. Sebbene l'esaurimento emotivo sia vissuto come affaticamento mentale, di solito è accompagnato da grande affaticamento fisico.

Quando si verifica, c'è un senso di pesantezza che è impossibile andare avanti. Quindi cade in una forte inerzia per uscire.

Le cause dell'esaurimento emotivo

L'esaurimento emotivo ha origine perché c'è uno squilibrio tra ciò che diamo e ciò che facciamo . Coloro che ne sono vittime sono caratterizzati dalla consegna di tutto ciò che possono, sia al lavoro, a casa, con la coppia o su qualsiasi terra.

Generalmente, ciò si verifica in aree in cui vi è una forte domanda, che a sua volta richiede apparentemente grandi sacrifici. Ad esempio, in un lavoro in cui vi è un alto rischio di licenziamento. O in una casa i cui membri sono pieni di problemi e richiedono attenzione. Anche quando abbiamo un partner in conflitto o serio.

La solita cosa è che la persona esausta ha bisogno di tempo per se stessa. Inoltre non riceve sufficiente riconoscimento, affetto o considerazione. Deve "arrendersi" sempre. Come se non avesse bisogno o fosse più forte degli altri e potesse sopportare tutto.

I primi sintomi dell'esaurimento

Prima che appaia l'esaurimento emotivo stesso, ci sono alcune indicazioni che lo annunciano. Questi sono segni che in generale non sono molto importanti. Se concesso, l'azione può essere intrapresa in tempo.

I sintomi iniziali di stanchezza emotiva sono :

-Affaticamento personale.

Uno spesso si sente stanco. Da quando apre gli occhi, sperimenta come se fosse eccessivamente arduo ciò che lo aspetta quel giorno.

-Insonnia.

Per quanto contraddittorio possa sembrare, una persona con stanchezza emotiva ha difficoltà a dormire. Ha sempre problemi che girano la testa e rendono difficile dormire.

-Irritabilità.

Vi è disagio e perdita di autocontrollo con una certa frequenza. La persona esausta sembra di cattivo umore ed è troppo sensibile a qualsiasi critica o gesto di disapprovazione.

– Mancanza di motivazione.

Coloro che soffrono di stanchezza emotiva iniziano ad agire meccanicamente. Come se fosse costretto a fare ciò che fa sempre. Non ha entusiasmo o interesse per le sue attività.

– Distanziamento efficace.

Le emozioni iniziano a diventare sempre più vaghe. Come se davvero non provasse nulla.

– Frequente dimenticanza.

La saturazione di informazioni e / o stimoli porta a guasti della memoria. Le piccole cose sono facilmente dimenticate.

– Difficoltà di pensiero.

Uno si sente facilmente confuso. Ogni attività comporta una spesa in termini di tempo maggiore rispetto a prima. Ragiona lentamente.

Exits to Emotional Exhaustion

Il modo migliore per superare l'esaurimento emotivo è, ovviamente, riposando. Devi trovare il tempo libero per rilassarti ed essere calmo. Le persone esigenti trascorrono anni senza, ad esempio, fare una vacanza.

Questo non dovrebbe essere fatto. Prima o poi porta solo alla fatica. Quindi una buona idea è di dedicare qualche giorno per dedicarli al riposo.

Un'altra soluzione è quella di lavorare per creare un atteggiamento diverso nei confronti degli obblighi quotidiani. Ogni giorno dovrebbe includere tempo per l'impegno e tempo per il riposo e attività gratificanti. Dobbiamo mettere da parte le ossessioni della perfezione o della realizzazione.

Infine, è molto importante essere consapevoli di noi stessi. Per questo, niente di meglio che passare un po 'di tempo al giorno per stare da soli. Respirare, riconnettersi con chi siamo e ciò che vogliamo.

È essenziale sviluppare un atteggiamento di comprensione e gentilezza con noi stessi. Altrimenti, prima o poi, sarà impossibile andare avanti.

Fonte: lementeesmaravillosa.com

Condividi con i tuoi amici!