Stai andando a letto con i capelli bagnati? Ecco perché dovresti smettere di farlo subito! – Bellezza e macarilla


È male dormire con i capelli bagnati? Le nostre madri ci hanno sempre detto che non è bene andare a letto con i capelli bagnati o umidi perché possiamo prendere un raffreddore o una polmonite. Era del tutto vero?

La verità non è, in realtà, no; Dormire subito dopo aver fatto la doccia e non aver asciugato correttamente i capelli può rivelarsi comunque una cattiva decisione. Perché questa è la risposta che vogliamo darti oggi.

Prima di tutto, è necessario considerare che l'umidità prolungata nei capelli può raggiungere per infiammare il cuoio capelluto causando una sensazione irritante. Il prurito provoca anche danni ai capelli poiché aumenta anche la porosità della superficie dei capelli.

Questo è il motivo per cui non è consigliabile rimanere a lungo con un asciugamano intorno alla testa o cappelli che trattengono l'umidità.

Altri svantaggi di andare a letto con i capelli bagnati avvolti in un panno sono:

– Distruggere i capelli

Andare a letto con i capelli bagnati avvolti in un asciugamano non è così innocuo come molti . Le persone pensano infatti che questa abitudine abbia conseguenze per la salute dei capelli.

La realtà è che quando i capelli sono bagnati, sono più sensibili e quindi dovremmo stare più attenti. Da un punto di vista scientifico, questo perché i capelli sono igroscopici, il che significa che assorbe umidità o acqua dall'ambiente. Questo fa sì che l'acqua penetri nella cuticola e aumenti leggermente di diametro.

– Provoca mal di testa

La ​​nostra temperatura corporea aumenta durante il sonno. Pertanto, la temperatura della testa avvolta in un asciugamano inizia a salire, il che significa che aumenta anche l'umidità, che può causare mal di testa.

– I batteri si formano

I cuscini sono il luogo ideale per i batteri poiché assorbono il sudore, le cellule morte della pelle e gli oli per il corpo. I capelli bagnati bagnano l'asciugamano e portano umidità al cuscino, che diventa quindi il nido per la crescita batterica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *