Il nuovo trattamento sperimentale brasiliano cura il cancro in pazienti critici


La ricerca rivoluzionaria, che potrebbe essere il modo di curare il cancro senza tanta sofferenza ed effetti collaterali, è stata sviluppata dai brasiliani . Inizialmente di carattere teorico, la ricerca per la terapia delle cartocellule è stata esplorativa solo fino a quando non è diventata una promettente tecnica di cura del cancro. E questo è ciò che ha salvato la vita a un brasiliano.

Data una leggera tendenza corrente verso il pensiero anti-scientifico – con la classe anti-vaccino o credendo nella terra piatta – è bene capire cos'è la ricerca scientifica. Per essere scientifici, ci sono un certo numero di regole, metodologie e processi obbligatori stabiliti. Pertanto richiede maggiori investimenti e genera credibilità.

Secondo la SP Research Foundation (FAPESP), "la ricerca scientifica di base, che genera conoscenze che non hanno necessariamente un'applicazione immediata, è spesso intesa come un'attività. inattivo e costoso. Si dimentica che le conoscenze di base di oggi saranno le conoscenze applicate di domani. "

Il nuovo trattamento brasiliano potrebbe essere una soluzione contro il cancro

Con un linfoma osseo di 62 anni e avanzato, Vamberto Luiz de Castro Ho dovuto prendere le dosi massime di morfina. Avevo provato la chemioterapia, le radiazioni, ma il cancro era molto aggressivo e avanzato, senza successo nel trattamento. Ritiratosi, avrebbe potuto godere della sua migliore età, ma soffriva di una malattia che non voleva ritirarsi.

Fu allora che, già ricoverato in ospedale e incapace di camminare, sottoposto a cure palliative, fu avvertito che avrebbe dovuto vivere al massimo un altro anno. . Questo tra dolori, in un letto, incapace di muoversi molto bene. Fu allora che venne a conoscenza di un protocollo di ricerca, in cui poteva fare domanda per un nuovo trattamento del cancro brasiliano.

Dopo aver valutato i rischi, che poteva essere da nessun risultato a persino la morte – come era su base sperimentale. – è diventato parte della ricerca. Vamberto sarebbe quindi il primo paziente a testare il nuovo metodo, sviluppato in Brasile, basato su una ricerca americana, Cart-cell.

La procedura

 Trattamento del cancro brasiliano
Credit: Facebook

Il trattamento è il risultato di uno studio condotto dal team di ricercatori dell'USP, con il supporto di FAPESP e CNPq. È una tecnica totalmente nazionale, basata su studi precedenti con Cart-cell, che rafforza solo l'importanza della scienza per la vita di tutti i giorni. Il Centro di terapia cellulare in cui è stato applicato conferma già la remissione della malattia.

L'idea centrale di Cart-cell è quella di manipolare geneticamente le cellule di difesa del corpo in modo che attacchi il tipo specifico di cancro. – e solo lui. Per questo, usano un virus con DNA modificato e lo inoculano (in vitro) nei globuli bianchi del paziente. Le cellule del sangue modificate vengono quindi aumentate per la reintroduzione nel corpo.

Per evitare reazioni, i medici dovrebbero ridurre l'immunità del paziente, che dovrebbe essere seguita in completo isolamento dall'ospedale. Quando l'organismo non ha più la possibilità di reagire ai globuli bianchi modificati, vengono inseriti nel flusso sanguigno e combattono il tumore specifico.

Ed è quello che è successo a Vamberto, con successo. In soli quattro giorni, ha smesso di sentire il dolore che lo ha costretto a usare la morfina ogni giorno. E con altri tre giorni, stavo camminando di nuovo. Tutti i linfonodi sono stati distrutti, senza alcun segno di cancro. Una storia di successo, che deve essere ripetuta altre 9 volte prima di poter essere approvata commercialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *